> Prepararsi alla gravidanza > Periodo fertile: 5 modi per individuare il “giorno X”

Periodo fertile: 5 modi per individuare il “giorno X”

Consigli pratici per rimanere incinta: il calcolo dei giorni dell'ovulazione, l'osservazione del muco cervicale, la temperatuta basale, i test della farmacia e le ecografie transvaginali. Eccoli nel dettaglio.
Pubblicato il 30 dicembre 2011 da

Avere rapporti ogni 2-3 giorni è di certo il metodo più semplice e meno stressante per la ricerca di una gravidanza. Resta il fatto, però, che l’incontro tra ovocita e spermatozoo è possibile in un giorno solo del ciclo e riuscire a capire qual è il momento giusto può aumentare non di poco le probabilità di successo.
Esistono, in particolare, 5 metodi e segnali che la donna può utilizzare per individuare il giorno dell’ovulazione e capire, così, quando è il momento di concentrare i rapporti sessuali: il calcolo dei giorni, l’osservazione del muco cervicale, la rilevazione della temperatura basale, l’utilizzo di appositi test della farmacia e il ricorso a periodiche ecografie transvaginali (monitoraggio follicolare). Vediamoli nel dettaglio.

1) IL CALCOLO DEI GIORNI
Il metodo più semplice, ma anche il meno preciso, per stabilire il giorno dell’ovulazione è quello di considerare come periodo di massima fertilità la metà del proprio ciclo mestruale. In pratica, ci si basa sul fatto che, in media, l’ovulazione avviene all’incirca il 14-15° giorno dopo l’inizio del flusso mestruale e, più precisamente, circa 14 giorni prima dell’inizio del nuovo ciclo. Si tratta, però, di un discorso molto generico, valido solo per le donne che hanno cicli regolari di 30-35 giorni e che può subire, comunque, variazioni da ciclo a ciclo. Può succedere, infatti, che l’ovulazione si presenti prima o dopo il giorno previsto, rendendo vano il semplice calcolo numerico basato sulla lunghezza media dei cicli.

2) IL MUCO CERVICALE
Quando il giorno dell’ovulazione comincia ad avvicinarsi, aumenta la produzione del muco cervicale, che si rende evidente con perdite trasparenti che la donna può trovare sullo slip e quando va in bagno. In pratica, più si è vicini al “giorno X” più il muco cervicale tende ad aumentare di quantità e a diventare fluido, filante e meno appiccicoso. Quando l’ovulazione è imminente, il muco diventa molto abbondante e di consistenza molto acquosa simile all’albume d’uovo: è questo quello che viene chiamato il giorno del “picco”. Da questo momento, infatti, l’ovulazione potrebbe avvenire il giorno stesso o nel giro di 24-36 ore circa (1-2 giorni al massimo). Dopodiché il muco torna a diventare denso e appiccicoso fino quasi a scomparire e a dare la sensazione di asciutto tipica dei primi giorni del ciclo, ancora lontani dall’ovulazione. Naturalmente, per poter utilizzare questo metodo bisogna avere una buona conoscenza del proprio corpo, cosa che comunque si può migliorare con il tempo. Va tenuto presente, infine, che esistono alcune condizioni (come la presenza di infezioni) o disturbi (come la sindrome dell’ovaio policistico) che possono alterare la consistenza del muco e renderne difficoltosa l’osservazione ai fini procreativi.

3) LA TEMPERATURA BASALE
Un altro metodo del tutto naturale per individuare il giorno dell’ovulazione è quello di misurare ogni giorno la propria temperatura basale, cioè la temperatura del corpo quando si è appena svegli. Subito dopo l’ovulazione, infatti, la temperatura tende ad aumentare di circa 0,3 – 0,5 gradi, passando per esempio da una media di 36,5 gradi durante la prima fase del ciclo (fase pre-ovulatoria) a una media di circa 37 gradi nella seconda fase del ciclo, quella che segue l’ovulazione (fase post-ovulatoria). Il modo migliore per fare le misurazioni è quello di usare il termometro per via vaginale (più precisa della temperatura ascellare), cioè inserendo la punta del termometro in vagina, dopo un sonno di almeno 4-5 ore consecutive senza risvegli. La temperatura basale, infatti, non è indicata per le donne che hanno un sonno frammentato (per esempio, se allattano al seno e devono svegliarsi ogni 2-3 ore), per chi ha squilibri ormonali e in caso di forte stress o di febbre, tutti elementi che possono alterare la temperatura del proprio corpo.
Va considerato, inoltre, che la temperatura del corpo aumenta solo dopo l’avvenuta ovulazione e questo può aiutare a capire se c’è stata o meno l’ovulazione, ma non è utile per prevedere quando avverrà. Questo rende difficile l’utilizzo esclusivo di questo metodo per cercare di restare incinta.

4) GLI STICK PER L’OVULAZIONE
L’ovulazione può essere individuata anche grazie all’utilizzo di appositi test acquistabili in farmacia e in moltissimi supermercati. Si tratta degli stick per l’ovulazione, disponibili di solito in confezioni da 5-7 pezzi che aiutano la donna a capire se l’ovulazione è vicina o è ancora lontana. Sia l’uso sia la lettura di questi test sono molto semplici: basta mettere lo stick sotto il flusso dell’urina per circa 5 secondi e aspettare qualche minuto. Sullo stick appariranno due linee colorate: se quella del test ha un’intensità minore di quella di controllo significa che non si è ancora nel periodo ovulatorio; se, invece, la due linee sono pressoché uguali e molto evidenti significa che l’ovulazione è imminente e dovrebbe avvenire al massimo nel giro di 24-36 ore (o, naturalmente, anche il giorno stesso del test). Il test va ripetuto per alcuni giorni, partendo dal giorno più probabile in cui avviene di solito l’ovulazione, finché non si vede uno stick positivo.

5) IL MONITORAGGIO ECOGRAFICO
Se la donna ha difficoltà a capire i segnali del proprio corpo e non riesce a individuare da sola quando avviene l’ovulazione, può decidere di affidarsi al ginecologo, eseguendo il cosiddetto “monitoraggio ecografico”. Tramite ripetute ecografie transvaginali eseguite tutti i giorni o a giorni alterni il ginecologo può osservare la grandezza del follicolo dominante (quello, cioè, da cui avverrà l’ovulazione, ovvero il rilascio dell’ovocita da fecondare) e avvertire la donna quando l’ovulazione è vicina. Una volta raggiunte le dimensioni di circa 20 mm, infatti, l’ovulo di solito è pronto a rilasciare l’ovocita e il medico consiglierà alla donna di avere rapporti mirati il giorno stesso e il giorno seguente (o a giorni alterni).


Vota e condividi

Invia d un amico





Commenti
  • corina scrive
    29 dicembre 2011 alle ore 16:38

    ciao, io cio il ciclo di 27 giorni, qualle sono i giorni piu fertili?


  • roberta scrive
    23 agosto 2012 alle ore 09:43

    Io ho il ciclo fra cinque giorni posso sapere quando posso rimanere incinta? Roberta


  • alessandra scrive
    26 agosto 2012 alle ore 17:22

    ciao dottoressa sono alessandra ho il ciclo di 27 /28 giorni come posso rimanere incinta?quali sono i giorni piu fertili?grazie


  • angela scrive
    05 ottobre 2012 alle ore 16:45

    Ho avuto il ciclo il22 settembre 25 1 3 ho avuto rapporti completi con mio marito ……potrei essre incinta …..lo spero grazie


  • Nadia scrive
    24 ottobre 2012 alle ore 19:06

    Segnalo questo errore x la redazione di dolce attesa:
    Cito dal punto 1) IL CALCOLO DEI GIORNI: …per le donne che hanno cicli regolari di 30-35 giorni…
    30-35?? Ma non sono di 27-28 giorni, i cicli regolari?
    Come infatti di 27 circa è il mio e quello di Corina e Alessandra che hanno scritto qui sopra!


  • dora scrive
    06 novembre 2012 alle ore 13:16

    ciao, ho avuto il ciclo il mese di ottobre il 11, adeeso invece lo ho il 06 novembre, quando posso rimanere incinta.grazie…


  • rosalinda scrive
    01 dicembre 2012 alle ore 19:16

    Buonasera mi rosy ultimo ciclo avuto 3 novem

    bre da 20 g sosiorni go nause semprefitte forti sotto ventre cosa potrebbe essere x voi


  • KATIA scrive
    17 dicembre 2012 alle ore 09:46

    BUONGIORNO SONO KATIA IL MIO CICLO E DI 28,30 GG MA NN RIESCO A RIMANERE IN CINTA PUO ESSERE IL FATTO CHE SOFFRA DI CISTITE???


  • arianna scrive
    11 gennaio 2013 alle ore 16:40

    Salve io il mese scorso o avuto rapporti completi il giorno 2 o avuto il ciclo ma la data nn era questa ma mi e durato solo 2 giorni ora vorrei provarci dinuovo .ah c è da precisare ke prima di avere il cicli o avuto nausea vomito dolori alla schiena e la mattina quando mi e venuto il ciclo o vomitato ….. mi potrebbe dare qualche consiglio


  • Giovanna scrive
    28 gennaio 2013 alle ore 12:20

    Sono una donna di 44 anni e con 2 gravidanze alle spalle (il mio secondo figlio ha 10 anni), io e mio marito vorremmo avere il terzo figlio e ci proviamo da 6 mesi senza successo. Il mio ciclo è di circa 30 giorni (a volte 32-35) e la mia ultima mestruazione è cominciata il 16/01/2013. Quando posso provare per rimanere incinta, premesso che ad oggi abbiamo già cominciato a provarci? Quale consiglio può darci?


  • pesciolina 76 scrive
    08 febbraio 2013 alle ore 10:26

    buongiorno,vorrei sapere se il sedicesimo giorno dopo il ciclo e’ possibile restare incinte avendo il ciclo regolare di 28 giorni.grazie


  • antonella scrive
    08 marzo 2013 alle ore 15:37

    salve il ciclo mi doveva arrivare il giorno 23/02/2013 ma purtroppo e stato irregolare ed e comparso il 02/03/2013,come posso calcolare i giorni fertili?
    saluti e grazie anticipatamente.


  • Angela scrive
    11 marzo 2013 alle ore 09:09

    Non sò calcolare esattamente i miei giorni fertili perché : 7 settembre; 26 settembre; 17 ottobre;13 novembre;6 dicembre;19 gennaio; 9 febbraio;6 marzo (solo due giorni) quali sono i giorni fertili? Grazie per l’attenzione!


  • Angela scrive
    11 marzo 2013 alle ore 09:10

    Non sò calcolare esattamente i miei giorni fertili perché : 7 settembre; 26 settembre; 17 ottobre;13 novembre;6 dicembre;19 gennaio; 9 febbraio;6 marzo (solo due giorni) quali sono i giorni fertili?


  • christelle scrive
    26 marzo 2013 alle ore 13:38

    Salve dottoressa,

    La durata dei miei cicli sono piu o meno di 29- 30 giorni, questo mese ho cominciato ad avere rapporti dal 12esimo gg a giorni alterni per quattro giorni, potrei rimanere incinta?
    grazie
    saluti
    Christelle


  • debby scrive
    01 agosto 2013 alle ore 00:17

    Salve.il mio ciclo arriva ogni 29 max 30gg.domani giorno 1 agosto sarà il primo gg.quando sarà il mio periodo fertile? ‘Grazie


  • carmen scrive
    14 settembre 2013 alle ore 13:02

    salve,a me il ciclo mi torna ogni 14 del mese,ad es.le ho avute il 14 agosto e mi sn tornate il 14 settembre e cosi tt i mesi ogni 14.vorrei sapere quali sn i giorni fertili!!!grazie mille


  • Angela scrive
    07 ottobre 2013 alle ore 10:49

    Salve,
    provo ad avere un bambino da febbraio. L’anno scorso il 25 giugno mi sono operata. Avevo 8 fibromi all’utero e dopo l’inervento ho aspettato sei mesi prima di provare, ma sono passati 8 mesi e niente…sono un pò preoccupata. Abbiamo anche fatto gli esami del sangue e lo spermiogramma ed è risultato tutto a posto.

    Però poichè alcuni valori dello spermiogramma discostavano dai range, pensavo che il ginecologo desse a lui delle vitamine, ma non lo ha ritenuto necessario.Io però volevo fargliele prendere.Lei che mi consiglia?

    Grazie Angela.


  • Tea scrive
    22 novembre 2013 alle ore 00:55

    Ciao . Io ho il ciclo abbastanza regolare ! Ultimo ciclo e stato il 14 novembre , quale sarebbe il giorno giorno ideale per rimanere un cinta ? Grazie ..


  • veronica scrive
    23 dicembre 2013 alle ore 14:46

    buongiorno,io ed il mio compagno stiamo già da un anno circa cercando di avere un bambino,stiamo attentissimi ai periodi fertili,ma ancora niente,la cosa che mi preoccupa è che tra qualche mese faccio 40 anni e l’età mi spaventa…….potete darmi qualche consiglio utile?Grazie


  • lulu scrive
    29 dicembre 2013 alle ore 13:58

    Salve volevo sapere dopo un aborto precoce posso riprovarci subito o e meglio aspettare


  • cinzi scrive
    07 gennaio 2014 alle ore 17:22

    salve io ho delle ovaia follicolari,provo avere un bimbo da un anno,giorno 26 mi e’ venuto il ciclo finito il30 e il 1gennaio e il 6 gennaio ho avuto rapporto senza protezione,prendo inofert dal 2 gennaio ,potrei rimanere in cinta?


  • DONATELLA scrive
    13 febbraio 2014 alle ore 14:48

    Salve sono una ragazza di 33anni e da più di 5anni che provo ad avere un figlio ma niente,sono stata operata 2 volte di endometriosi e ogni anno a febbraio faccio il controllo e tutti gli esami.
    Il ciclo mi viene ogni 29 32 giorni.
    Cosa posso fare per avere un figlio?


  • DONATELLA scrive
    13 febbraio 2014 alle ore 14:53

    L’esame fatto l’anno scorso a febbraio 2013 diceva che l’ovaio destro
    funzionava meno.
    Può coincidere col fatto che non riesco ad avere figli?
    Grazie.


  • titti scrive
    09 marzo 2014 alle ore 19:26

    ciao


  • adele scrive
    09 marzo 2014 alle ore 19:30

    ciao.volevo sapere e possibile che i e venuto.dopo.14di nuovo il ciclo?


  • monica+ronco scrive
    28 giugno 2014 alle ore 23:51

    Ciao a tutte o avuto il ciclo 11/06finito il 15/06da quel momento rapporti nn protetti secondo voi riuscirò a diventare mamma? ??


Scrivi il tuo commento