> Fasi della gravidanza , Salute e benessere > Curva glicemica e gravidanza: quando si fa

Curva glicemica e gravidanza: quando si fa

Misurare la glicemia è molto importante per la salute della mamma e del bambino, ma solo nei casi a rischio.
Pubblicato il 22 maggio 2012 da

Un esame che viene spesso prescritto è la curva da carico glicemico, un test con il quale si misurano, con un primo prelievo, i valori della glicemia in condizioni di digiuno. Poi, dopo aver fatto bere alla donna una soluzione glucosata composta da acqua e circa 75-100 grammi di zucchero, si ripete l’analisi ogni mezz’ora per tre ore: in base ai risultati ottenuti, si ha una diagnosi di normalità, di tendenza a sviluppare diabete o di diabete conclamato.
Anche in questo caso, l’analisi andrebbe riservata alle pazienti considerate a rischio, per esempio, alle donne in sovrappeso, oppure a chi, in una precedente attesa, ha sofferto di diabete gestazionale o ha un familiare affetto dalla malattia. O ancora, se si rileva una macrosomia, cioè un’eccessiva crescita del bambino.
In tutti gli altri casi, a inizio gravidanza basta misurare il tasso di glicemia con un normale prelievo del sangue e ripetere l’esame verso la 24-27ªa settimana.

Vedi anche:
Citomegalovirus: sì all’esame, se lavori coi bimbi

Ma quante ecografie in gravidanza! Servono tutte?

Esami per diagnosticare la sindrome di Down

Analisi del sangue: quali e quando in gravidanza

Toxoplasmosi: ecco il suo identikit


Vota e condividi

Invia d un amico





Scrivi il tuo commento