> > Settimana 22

Le 40 settimane

Le informazioni sullo sviluppo del feto e i cambiamenti del tuo corpo nei nove mesi dell’attesa, settimana dopo settimana. In più, il calendario degli esami, le incombenze prima del parto e qualche consiglio per... il papà.

Settimana 22

Mese 5 - Secondo trimestre
Scegli un'altra settimana
Come cresce il tuo bambino

Intorno alla 22ª settimana il bambino riesce a mettersi il dito in bocca e poi a succhiarlo: nella vita fuori dall’utero non avrà invece fin da subito questa capacità. Il sesso ora può essere individuato con la massima chiarezza durante l’ecografia. Nei maschi sono infatti ben delineati sia il pene sia lo scroto, nelle bambine sono ben visibili il clitoride e la vulva.
Il bambino è ora vitalissimo: nuota nel liquido amniotico, ruotando su se stesso e girando la testa da ogni lato.
(*)


Cosa ti succede

La pressione deve essere tenuta sotto controllo sin dall’inizio della gravidanza, ma l’ideale sarebbe conoscerne i valori già da prima. È infatti importante distinguere l’ipertensione gestazionale, frutto di una reazione anomala dell’organismo materno alla gravidanza che si risolve spontaneamente dopo il parto, dall’ipertensione cronica, di cui la donna soffriva già in precedenza. Si tratta di due patologie differenti e la ventesima settimana di gravidanza è la linea di demarcazione che permette di distinguere le due forme. L’ipertensione gestazionale compare, in genere, a partire dalla fine del secondo trimestre e nelle forme più gravi interferisce pesantemente con il benessere di mamma e bebè, causando forti disagi alla madre (con sintomi quali mal di testa, disturbi visivi, disfunzioni a livello epatico o renale) o al bimbo (la crescita potrebbe risultare rallentata o addirittura bloccarsi).
E’ possibile prevenire l’ipertensione gestazionale? Evitando o correggendo determinate abitudini, si riduce il rischio di soffrire della patologia. Scopri come in Ipertensione gestazionaleMeno sale per vincere l’ipertensione in gravidanza


E’ ora di…

… allacciare la cintura di sicurezza!
Indossare le cinture è raccomandabile per tutti i nove mesi. Durante la gravidanza è possibile ottenere un’esenzione, ma solo in casi particolari che devono essere documentati da un certificato medico da portare sempre con sé. Se la fascia inferiore procura fastidio (non dimentichiamo che all’inizio della gestazione il bambino è posto proprio nella parte bassa dell’addome), un possibile espediente è usare solo la cintura che dalla spalla arriva al fianco, evitando quella che passa sotto la pancia. Per indossarla nel modo giusto, si può allacciare la cintura al sedile prima ancora di entrare in auto. Poi ci si siede e infine si passa davanti solo la fascia superiore.
Mezzi pubblici, musica ad alto volume, lampade abbronzanti… hai altri dubbi su cosa può nuocere al bambino nel pancione? Nell’articolo Farà male al mio bambino? trovi tutte le risposte.

Per il papà

La vita della tua compagna in gravidanza si è modificata: ora ha bisogno di più riposo e anche se, con le dovute cautele, può continuare a fare molte delle cose che faceva prima di rimanere incinta, è necessario che ora tu sia più accorto e sollecito nella gestione della casa. Non farle sollevare pesi (come pacchi dell’acqua, borse della spesa troppo pesanti, valigioni ecc.) e aiutala nelle faccende domestiche più impegnative: sane abitudini che potrebbero continuare anche dopo il parto!


Vota e condividi

Invia d un amico





Scrivi il tuo commento